Condizionatori per camion

camion in movimento

D’estate le temperature roventi sono una vera tortura, ancor più per chi per lavoro deve stare in strada, a bordo di automezzi come camion, per giunta sprovvisti di aria condizionata. Altro caso limite è dato dai conducenti di quei tir, provvisti sì di aria condizionata, ma che, nei momenti di sosta, hanno il divieto di lasciare il motore acceso e di conseguenza, quando sono fermi al parcheggio, nella cabina guida le
temperature possono diventare elevate.

Nella maggior parte dei casi si tratta di camion con rivestimenti non sempre realizzati con isolante, al punto che, nelle giornate più afose, quelle in cui la colonnina di mercurio sale inesorabilmente, potrebbero
verificarsi dei veri e propri malori.

In tutti questi casi avere dei condizionatori per camion portatili può aiutare davvero a lavorare con maggiore comfort e senza il rischio di insolazione, sonnolenza alla guida e stanchezza. Quando si è al volante, bisognerebbe ambire ad avere una perfetta condizione di salute onde scongiurare eventuali pericoli associati alla poca lucidità e ala guida prolungata.


SW Cube Indel B: il condizionatore portatile per camion più conosciuto

I modelli di condizionatori camion per rinfrescare a motore spento più richiesti sono quelli portatili. Si tratta di prodotti leggeri che possono essere spostati da una cabina all’altra, preferibili quindi quando si hanno flotte di camion e non si viaggia su di un unico mezzo di trasporto..

Si tratta di modelli utilizzabili anche su tir che hanno l’aria condizionata installata. In questo caso, quando sono messi in funzione dopo aver spento il motore del camion, riescono, con bassi consumi, a prolungare
l’effetto dell’aria condizionata e a mantenere sempre un clima ideale all’interno della cabina.

Tutta questa tecnologia consente di ridurre anche le emissioni di CO2 nell’atmosfera e conseguentemente anche gli effetti nocivi dei gas serra.

Tra i modelli più ecologici vi sono gli SW Cube Indel B, la cui forma è del tutto simile a quella di un
cubo, presentando un design di tutto rispetto che piace molto ai camionisti più “cool”.

Si tratta di un climatizzatore trasportabile, disponibile nella versione da 24V e 12V, nell’ultimo caso progettato anche per l’uso nei camper, costretti a sostare per lunghi tempi a motore spento e quindi essendo molto più esposti al calore dell’ambiente esterno. I consumi di questi dispositivi portatili sono di 950Watt, mentre il costo è di circa 1300 euro.

Le dimensioni di SW Cube sono un punto di forza perchè garantiscono il massimo della praticità, con il minimo dello sforzo. Alto soli 40 centimetri, largo 36 cm e profondo 37cm, si classifica come uno tra i
prodotti più compatti della categoria climatizzatori per camionisti. Grazie ad una pratica bretella fornita può essere facilmente spostato, proprio come se si trattasse di una borsa frigo.


Zephir: la soluzione alternativa preferita dai lavoratori su strada

Un’altra opzione molto sfruttata da chi percorre lunghi tratti in camion è Zephir.

Si tratta di uno dei condizionatori per camion più piccoli presenti in circolazione che assorbe appena 560 Watt di potenza, limitando i consumi d’energia che, in caso di presenza di pannello solare, potranno essere ridistribuiti.

Potendo essere usato anche con motore spento, risultano dei prodotti ideali anche durante le soste.

Uno dei limiti di questo climatizzatore è la scarsa reperibilità del prodotto, soprattutto tra Giugno e Luglio, quando l’aumento delle richieste del pubblico limita i quantitativi disponibili nei magazzini.

Di conseguenza non è sempre facile da trovare e bisogna spesso cercare un sostituto a questo clima per camion.

Uno tra i prodotti “alternativi” potrebbe essere il Trotec Argoclima, che ha un consumo leggermente superiore 760Watt, ma tutto sommato vanta ottime prestazioni e un rapporto qualità/prezzo molto favorevole.

Lo possiamo trovare on line in vendita a circa 200 euro.

Deumidificare con Zephir

Tra i vantaggi di Zephir c’è la possibilità di utilizzarlo anche come deumidificatore, grazie ad un’apposita vaschetta, in grado di contenere fino a 24 litri.

A rendere ancora più completo il deumidificatore per camion vi è un un tubo flessibile, della lunghezza di due metri, che permette di espellere l’aria calda fuori. Per quanto riguarda le superfici rinfrescabili all’interno delle quali poterlo utilizzare, si precisa come fornisca ottime prestazioni
fino a 15 mq.

In caso si volesse impiegare Zephir in spazi di metratura superiore, si precisa come si otterrebbe ugualmente un certo comfort, ma che non sarebbe comunque paragonabile al benessere termico ottenibile se usato in modo più appropriato.

Per un’informazione più precisa si specifica come possa essere utilizzato in stanze fino a 22 metri quadrati.

Condizionatore per camion da tetto o parete

In presenza di camion con cassone fisso, un’altra opzione valutabile è Sleeping Well TOP:

si tratta di un condizionatore da tetto, a basso impatto estetico e che non influisce in modo eccessivo sull’aerodinamica, viste le dimensioni ridotte. Anche questo modello di condizionatore  è azionabile a motore spento e necessita di poca energia per produrre aria condizionata raffrescante. Si tratta di un modello, come quello da parete, che non può essere definito portatile, ma che  può essere smontato
con facilità.

Tra i vantaggi dei condizionatori portatili per camion è bene ricordare che vi è anche quello di poter eliminare in inverno pesi fissi sul camion che creano anche ingombro e rendono l’assetto del tir un po’ più problematico..

Author: admin

Leave a Comment